A causa del maltempo che sta colpendo in queste oreil Veneto, abbiamo aperto tper la prima volta tutti i bacini di laminazione. Lo ha dichiarato Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, nel corso di un punto stampa nella sede della Protezione Civile regionale fornendo un aggiornamento sulla situazione del maltempo in regione.

“Entriamo nel protocollo operativo di un’alluvione vera e propria. Sono caduti anche 229 millimetri d’acqua in 6 ore, è un fenomeno caratterizzato da grande intensità, con rovesci impressionanti. È l’unica volta che abbiamo aperto tutti i bacini di laminazione”, ha aggiunto. “Ringrazio quanti hanno iniziato da ieri mattina. Da un lato abbiamo avuto tre sfondamenti arginali a Isola Vicentina, Zimella, Villa Verla. E dall’altro se ne sono andati due ponti a Malo” ha concluso. 

Nel dettaglio,  “per quanto riguarda la criticità idraulica è stato decretato lo stato di allarme (rosso) nei bacini dell’Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone e Basso Brenta – Bacchiglione, e stato di preallarme (arancione) nel bacino del Livenza, Lemene e Tagliamento, attenzione sul resto dei bacini eccetto sull’alto Piave (verde)”. E' quanto riporta una nota della regione Veneto. “L’allerta idrogeologica per temporali in tutti i bacini idrografici del Veneto è massima ad eccezione dell’alto Piave bellunese”, si legge ancora nella nota.

In queste ore sono soggette a particolare attenzione le aste idrauliche dei Bacini dei fiumi Brenta, Bacchiglione, Retrone, Alpone, Chiampo, Fratta-Gorzone, oltre al fiume Adige e ai bacini del Veneto Orientale, tra cui Monticano, Meschio, Livenza e Tagliamento.

Sezione: Politica locale / Data: Gio 16 maggio 2024 alle 16:00
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print