"Insisto nel dire che trent'anni non si recuperano in due giorni, qualcuno si deve mettere lì e fare una classifica del rischio" dei lavori da fare nelle autostrade liguri. Lo sollecita a Mit e Aspi il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti parlando stamani ad Agorà su Rai 3. Sulla revisione del piano di cantieri in corso nella rete autostradale ligure "non solo non ho avuto rassicurazioni, non ho avuto neanche risposte, cosa che sfiora la rottura della leale collaborazione istituzionale che vige in base alla nostra Costituzione tra enti di carattere diverso - sottolinea Toti -.

Il Mit non ha risposto alle nostre lettere e per la verità non ha ottemperato a un'ordinanza regionale, il che costituisce anche un reato".

La Liguria non può restare ostaggio di una guerra" tra Governo e Aspi "che dura dal giorno dopo il crollo del ponte Morandi". Ha aggiunto Toti che invita il Governo a prendere una decisione sulla revoca della concessione ad Aspi. "Il giudizio politico per un esponente di Governo vuol dire un'azione conseguente. Se si ritiene che Aspi non abbia più i criteri di affidabilità per gestire la rete autostradale e c'è una mancanza di fiducia da parte del Governo è legittimo, ma si ritiri la concessione e si affidi a qualcun altro"

Sezione: Politica locale / Data: Lun 06 luglio 2020 alle 11:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print