"E' una giornata molto importante ed è veramente un'emozione pensando che dieci anni fa ero riuscito a portare i tre Presidenti d'Italia, Slovenia e Croazia in piazza Unità per il concerto dell'Amicizia del 13 luglio 2010. E oggi, il Presidente Mattarella e il Presidente Pahor sono qui, alla Foiba di Basovizza. Continua così quel processo di pacificazione in cui ho creduto fermamente e per il quale mi sono impegnato nell'arco di vent'anni e ritengo di esserci riuscito". Lo afferma in una nota il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, in occasione della visita dei presidenti della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, e della Repubblica slovena, Borut Pahor, alla Foiba di Basovizza e al Cippo in memoria dei quattro sloveni del Tigr fucilati nel 1930 e della cerimonia di consegna del Narodni Dom. "Non c'è solo la storia scritta dai vincitori, ma anche quella scritta dai vinti. Il passaggio oggi del Presidente Pahor - ha aggiunto - è sicuramente molto rilevante perché finalmente riconosce il valore e il significato della Foiba di Basovizza".

Sezione: Politica locale / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 16:30
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print