"Quando il nervo è scoperto, è chiaro che ci si trovi in grossa difficoltà ed è quello che accade alla candidata Sindaco del Pd al Comune di Firenze, la quale, sapendo come il tema della sicurezza sia un nodo colpevolmente irrisolto, cerca di alzare, ad arte, una cortina fumogena sulla questione, criticando, invece, le candidature altrui", afferma Giovanni Galli, Consigliere regionale e capolista della Lega alle prossime amministrative fiorentine. "La Funaro, non potendo difendersi sulla problematica, ad esempio, riguardante i borseggi in città, punta a nascondere i palesi fallimenti della gestione Nardella, andando a strumentalizzare vicende che, a livello giudiziario, non hanno ancora visto la parola fine (il garantismo piddino, dov'è?)" prosegue l'esponente leghista.

"Di Giulio è un nostro candidato; quindi, se la stessa Funaro ha bisogno di chiarimenti in merito, non deve chiedere a Schmidt, ma al sottoscritto", precisa seccamente Galli. "In una città dove, spesso e volentieri, purtroppo, vi sono state manifestazioni ostili e difficoltà a reperire luoghi dove svolgere, da parte nostra, normali incontri pre-elettorali, è facile puntare il dito contro qualcuno, quando si è stati chiaramente inconcludenti, da anni, sul delicato problema legato alla sicurezza", conclude seccamente il rappresentante della Lega.

Sezione: Politica locale / Data: Lun 20 maggio 2024 alle 20:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print