“Era stata convocata in tutta fretta per trattare dell’ormai famoso emendamento pro-concerie - affermano Elisa Montemagni, Marco Landi ed Alessandro Capecchi, rispettivamente Consiglieri regionali di Lega e Fratelli d’Italia - ma il tutto è stato rimandato a data da destinarsi per una palese inadeguatezza ed impreparazione, oltre che per l’immotivata assenza, di esponenti della Giunta che hanno mandato letteralmente allo sbaraglio un funzionario, il quale non ha saputo rispondere ai nostri quesiti. L’obiettivo - proseguono i Consiglieri - era quello di abrogare in fretta e furia, già nel corso della seduta odierna del Consiglio, il documento incriminato, approvato nel maggio scorso; una vera e propria forzatura orchestrata ad arte da Giani.  Invece - precisano i rappresentanti di Lega e Fratelli d’Italia - tutto si è risolto in un nulla di fatto ed un’imbarazzata Presidente De Robertis, ha dovuto prendere atto che il percorso stava diventando particolarmente accidentato. Sinceramente - sottolineano i Consiglieri - non capiamo tutta questa sollecitudine nel togliere di mezzo un emendamento che non può sortire alcun effetto pratico; forse qualcuno vuole lavarsi velocemente la coscienza? Insomma - concludono Elisa Montemagni, Marco Landi ed Alessandro Capecchi - tanto per cambiare, per manifesta incapacità, la maggioranza esce da questa Commissione miseramente con la coda fra le gambe…”
 

Sezione: Politica locale / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 07:00
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print