"La proposta vincente è quella della coalizione di De Luca e non capisco le dichiarazioni di alcuni dirigenti del Pd che accusano Renzi di mettere a rischio la coalizione. Usciamo fuori dalle questioni: ho stima personale nei confronti del presidente Fico ma non è un'illuminazione quella che porta a una candidatura, deve esserci un processo. E poi, aggiungo, non capisco perché non si facciano le primarie".

Così, oggi su Il Mattino, il deputato di Italia Viva, Gennaro Migliore.

"Non è che le primarie non funzionano a Napoli - spiega -, è il Pd che non le sa fare. O altrimenti perché si fanno nelle altre città senza problemi: comunque mi sembra un ragionamento autolesionista. Se poi ci sarà una ulteriore evoluzione che porta ad un accordo su programma e candidato, vediamo, ma per ora le primarie mi sembrano lo strumento migliore non solo per scegliere il nome ma anche per definire il perimetro della coalizione e, quindi, anche quello programmatico". Su una possibile alleanza con il Movimento 5 Stelle, dice: "Non siamo noi quelli dei veti, vogliamo solo una proposta politica di alto livello, a partire dalle forze politiche che hanno appoggiato De Luca. Io non ho pregiudizi, ma credo che noi abbiamo un profilo diverso da loro: siamo per la costruzione di un campo riformista vero a Napoli che sia anche un segnale nelle altre città d'Italia. E parlo di un vero campo ma senza subalternità - aggiunge. A Napoli si porta un nome fuori da questo schema e si spaccia per la linea nazionale. Noi non mettiamo in discussione l'alleanza: ci siamo noi alla Regione, non mi risulta i 5 Stelle tranne che due rabbercianti esperienze in Campania alle ultime amministrative. Anche con l'elezione di Ruotolo, i grillini non erano con noi" conclude.

Sezione: Politica locale / Data: Mer 07 aprile 2021 alle 11:50
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print