"Se fosse una spedizione per una grande scalata direi che partiamo con persone non molto allenate. Il numero è risicato". E' il commento del presidente del Veneto Luca Zaia al voto di ieri in Senato. "Se avessi numeri come questi - ha proseguito Zaia - sarei impossibilitato a fare le riforme e appeso al voto dell'ultimo sconosciuto che ti pone condizioni. In questa fase ci vorrebbe un governo più forte a livello parlamentare, con una maggioranza piu' strutturata. Non so se basteranno i voti di fiducia nei provvedimenti, se uno ha il raffreddore e non è in aula è finita. Non so cosa abbia deciso Conte, ma nelle prossime settimane ci sono scelte importanti e l'imbuto del Parlamento sarà sempre più importante; non so se sarà sufficiente l'appello alla responsabilita', soprattutto - ha concluso - sulle riforme su cui ci siamo impegnati per avere le risorse". 

Sezione: Politica locale / Data: Mer 20 gennaio 2021 alle 17:10
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print