"I settori delle palestre e dei centri fitness, rappresentano una realtà importante dell'economia nazionale ed anche toscana - afferma Elena Meini, Consigliere regionale della Lega - tanto che nel 2019 tale comparto aveva fatto registrare una notevole crescita con oltre 5,5 milioni di persone complessivamente iscritte nelle varie strutture ed un fatturato sopra i 2 miliardi di euro. La pandemia li ha, purtroppo, colpiti pesantemente, dato che la perdita economica si aggira intorno al miliardo di euro, con oltre 200 mila posti di lavoro in bilico. Nonostante i rigidi protocolli anti-contagio adottati puntualmente dai gestori a partire dal maggio scorso - precisa l'esponente leghista - il Governo ad ottobre ha comunque deciso la chiusura delle palestre. Il Decreto Rilancio è stato giudicato insufficiente da vari rappresentanti delle categorie che hanno, più volte, lanciato accorati appelli, in gran parte inascoltati; come rilevano i gestori, alcuni di questi, della provincia di Pisa, da me direttamente interpellati, il tracollo è ahimè dietro l'angolo e vi è, purtroppo, la seria possibilità che diverse strutture non possano più riaprire, creando pertanto molti problemi anche ai tantissimi frequentatori delle predette palestre. A fronte di tale precaria situazione ho quindi predisposto una mozione in cui chiedo alla Giunta di attivarsi nella Conferenza Stato -Regioni col chiaro scopo d'impegnare il Governo a prevedere ulteriori ed adeguate modalità di ristoro per le citate attività. Penso, altresì - rileva il Consigliere - che pure la stessa Regione possa, altresì, prevedere forme di concreto supporto a favore di palestre e centri fitness. D'altronde - conclude Elena Meini - non bisogna mai dimenticare ed anzi rispettare il più possibile il famoso detto:" Mens sana in corpore sano".

Sezione: Politica locale / Data: Lun 18 gennaio 2021 alle 23:45
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print