La Lega chiede trasparenza nell’attività amministrativa del Campidoglio e di Ama. Si apre infatti un nuovo fronte oscuro sull’attività dell’ex presidente Pace, che nonostante le tardive dimissioni è comunque ancora nel Cda dell’azienda: è la volta dell’appalto per i servizi di vigilanza, sulla cui regolarità ci sono molti dubbi, per fugare i quali abbiamo chiesto anche l’intervento di Anac”.

Lo dichiara in una nota il capogruppo della Lega capitolina Fabrizio Santori, che ha presentato un’interrogazione al sindaco Gualtieri e all’assessore competente sulla questione.

Se quanto segnalato dalla società giunta al secondo posto in graduatoria fosse confermato, saremmo davanti a gravissime irregolarità nell’individuazione della società vincitrice, a partire dalla non osservanza del capitolato tecnico e del principio dell’immodificabilità dell’offerta. Il Sindaco faccia chiarezza: un’amministrazione che fa pagare ai cittadini la Tari più alta d’Italia offrendo in cambio incuria, disagi, carenze igieniche, inquinamento e dunque il servizio peggiore, si degni almeno di non ignorare l'obbligo della piena regolarità e della trasparenza amministrativa”, conclude Santori.

Sezione: Politica locale / Data: Gio 30 maggio 2024 alle 14:10
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print