Nel Lazio “avremo la produzione del vaccino italiano, sostenuto nella ricerca anche dalla Regione Lazio, e ci sono aziende che sarebbero pronte a produrre dosi di vaccino, ovviamente con del tempo ma la potenzialità ci sarebbe”. Lo ha detto a Sky TG24, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

“La macchina organizzativa per fare i vaccini è pronta: saremmo pronti oggi a oltre 30 mila vaccinazioni al giorno, ma potremmo aumentare perché c’è una risposta eccezionale del sistema sanitario, con tantissimi giovani neolaureati in prima fila. È uno sforzo organizzativo molto positivo”. 

Parlando poi dei possibili ritardi nelle consegne del vaccino AstraZeneca, Zingaretti ha spiegato che le dosi che ci sono “vengono utilizzate, sapendo che il vaccino AstraZeneca ha una doppia inoculazione. Più aumenta il numero dei vaccinati con AstraZeneca più, visti anche i problemi con le consegne, bisogna stare attenti ad avere delle riserve di modo che in caso di ritardi delle consegne non si annulli l’effetto del vaccino”.

“Siamo in attesa, e non dipende dalle Regioni, delle quantità che arrivano con gli accordi dell’Unione Europea – ha aggiunto poi -. Quello che dobbiamo fare noi, e lo stiamo facendo, è costruire la rete della distribuzione vaccinale. Oggi nel Lazio siamo i primi sugli over 80, abbiamo iniziato le Forze dell’ordine e ora il personale docente e del mondo della formazione, scuola e università. Stiamo lavorando per coloro che sono a rischio per motivi di salute. Ètà, fasce a rischio e servizi essenziali”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 24 febbraio 2021 alle 17:50
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print