“La violenza sulle donne non è un abuso come gli altri, proprio perché muove da ragioni legate al genere. C’è, dunque, una tragica componente culturale che fa da sottofondo a tutti i reati - e sono tanti, troppi - che quotidianamente vengono perpetrati ai danni delle donne. E’ giusto evidenziare come tanto sia stato fatto negli ultimi anni nel tentativo di contenere questo odioso fenomeno e Forza Italia è stata impegnata in prima linea a livello normativo, e penso soprattutto alla creazione dello strumento di prevenzione principale, il 1522 il numero antiviolenza che offre un supporto concreto e immediato alle donne in difficoltà e che il servizio pubblico dovrebbe giornalmente pubblicizzare e non solo a ridosso dell'8 marzo e del 25 novembre. Non c’è alcun dubbio, però, che molto debba essere ancora fatto. Noi ci siamo, pronte e determinate come sempre a difendere e tutelare i diritti di tutti, nonostante ci sia chi pensa di poterli calpestare in virtù di una vergognosa distinzione in base al genere. Il codice penale è stato modificato, sono stati introdotti reati ad hoc, inasprite le pene, create corsie dedicate per questa tipologia di denunce, tuttavia i numeri delle vittime sono impietosi. Senza un cambiamento culturale continueremo a contare le donne uccise, per questo invitiamo il governo investire in un robusto programma nella sola direzione possibile che è quella della prevenzione”. Così, in una nota, la deputata di Forza Italia Stefania Prestigiacomo.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 25 novembre 2021 alle 10:15
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print