“Sabato 2 dicembre 2023 si svolgerà ad Orvieto, come annunciato attraverso card pubblicate sui social, l’Assemblea dei quadri del movimento politico Forza Nuova; nel corso dell’assemblea è previsto l’intervento del segretario Roberto Fiore; Forza Nuova è una organizzazione politica di stampo neofascista fondata nel 1997 Roberto Fiore e Massimo Morsello condannati nel 1985 per associazione sovversiva e banda armata. Sfuggirono all’arresto perché latitanti nel Regno Unito;
Roberto Fiore insieme ad altri dirigenti e militanti di Forza Nuova ha partecipato il 9 ottobre 2021 all’assalto della sede della CGIL ed in data 16 ottobre 2023 il Pubblico Ministero del processo ha chiesto la condanna a dieci anni e sei mesi per Roberto Fiore e pene diverse per gli altri partecipanti.

L’accusa mossa a Roberto Fiore è di devastazione aggravata in concorso e di istigazione a delinquere; risultano agli atti giudiziari, nel corso degli anni, diverse condanne a militanti di Forza Nuova.
Per questo motivo ho presentato una interrogazione al Ministro dell’Interno per sapere:
se il ministro è al corrente dell’iniziativa segnalata, se non ritenga di valutare, a tutela dei valori democratici ed antifascisti sanciti dalla nostra Costituzione, il divieto di svolgimento dell’Assemblea, quali misure sono state adottate per tutelare l’ordine pubblico,
anche per dare riscontro positivo alla coscienza democratica della comunità orvietana e umbra non disposta a dare spazio a quelle forze che si richiamano agli anni dolorosi della dittatura nazifascista”. Così il senatore del Pd Walter Verini in una interrogazione al Ministro dell’Interno.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 novembre 2023 alle 12:15
Autore: Redazione Milano
vedi letture
Print