In Puglia "nonostante il richiamo del Governo all'adeguamento delle legge elettorale e da ultimo la lettera inviata ieri dal Presidente del Consiglio Conte ai presidenti di Regione, pare che la proposta cui il Consiglio regionale stia lavorando in commissione porterà all'introduzione della doppia preferenza a partire dalla tornata elettorale successiva a quella di settembre". Lo sottolinea Liliana Ventricelli, della direzione nazionale Pd, in una nota sull'adeguamento della legge elettorale regionale alla doppia preferenza di genere prevista dalla legge quadro 20/2016. Ventricelli ricorda che nonostante "la fortissima spinta delle associazioni sul territorio" per l'introduzione della doppia preferenza" e alcune "dichiarazioni roboanti", negli anni scorsi in Consiglio regionale venne bocciata con "la vergogna del voto segreto" e, se la si introducesse ora ma valida solo tra 5 anni, si aggiungerebbe "un'altra beffa". Quest'Assemblea regionale è "un consiglio chiuso - aggiunge - fatto quasi esclusivamente da uomini, che teme che la possibilità (non l'obbligo) di una seconda preferenza possa minare la propria permanenza in quell'aula. Sono passati troppi anni dall'inizio di questa battaglia, adesso basta tatticismi, si approvi la legge sulla doppia preferenza a valere dalle elezioni del prossimo settembre".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 16:40
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print