“La sentenza con cui la Corte Costituzionale ha confermato il diritto al patrocinio gratuito per le donne vittime dei reati di violenza di genere a prescindere dalla condizione economica è molto importante perché si tratta di un sostegno concreto, non solo materiale ma anche psicologico, per chi denuncia. Passa il messaggio, insito nella legge approvata nel 2009 e il cui raggio è stato ampliato nel 2013, che lo Stato è dalla parte di queste bambine, ragazze e donne abusate in vario modo”. Lo dice la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della Commissione Femminicidio.
“Anche le motivazioni della sentenza chiariscono – prosegue Valente – che la ratio della legge, finalizzata appunto a incoraggiare la vittima che si trova in particolare stato di vulnerabilità, a intraprendere un percorso di denuncia e di uscita dalla violenza, è del tutto ragionevole e non può essere sottoposta a discrezionalità. E’ stato compiuto un ulteriore passo in avanti perché le donne non si sentano sole e siano incentivate a denunciare”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 12 gennaio 2021 alle 16:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print