“Leggevo l’intervista di oggi di Paolo Gentiloni e vedo che già si prepara il rinnovo dell’inciucio tra Popolari e socialisti per la maggioranza nelle istituzioni europee”. Lo ha dichiarato il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini, a margine dell’evento “Free Europe”, organizzato dal gruppo Identità e Democrazia al Parlamento europeo, a Firenze, con i leader e rappresentanti dei partiti europei alleati della Lega.

“Noi invece oggi presentiamo un’idea di Europa diversa, dove non si discute del rientro del deficit, del debito, taglio Pil inflazione ma del lavoro, del benessere, del diritto alla salute, scuola, alla sicurezza”, ha aggiunto il Ministro. 

“Chi nel centrodestra preferisce la sinistra commette un errore incredibile. Questa Europa con la sinistra è l’Europa dei tagli, dei sacrifici, dei tagli alla scuola, dell’immigrazione incontrollata, che strizza l’occhio ad un fanatismo islamico che ieri ha fatto una vittima. A me spiacerebbe se qualcuno di centrodestra preferisse la sinistra ad alleati del centrodestra”. E poi: Tajani? “Sbaglia. Io posso dire che chi sceglierà la Lega alle Europee sceglie l’alternativa alla sinistra, ai socialisti, ai comunisti e Macron”. “Faccio un invito al centrodestra unito in Italia ad essere unito anche alle Europee”, ha ribadito il vicepremier.

Sul tema della guerra in Ucraina Salvini ha dichiarato: “Sia la Lega che tutti gli altri hanno sostenuto chiaramente ogni intervento in difesa di Kiev nei fatti, con i voti e con i soldi, il resto sono chiacchiere. Mi preoccupano i filo-palestinesi, i filo Hamas che sono abbondanti anche ieri, oggi e domani. Augurandomi la fine del conflitto fra Russia ed Ucraina e fra Israele e Palestina se qualcuno inneggia al terrorismo islamico è questo il problema dell’Occidente”, ha sottolineato. “Il governo italiano arriva al 2027 per quanto mi riguarda. Io come ministro per le Infrastrutture mi sto dando un obiettivo decennale addirittura perché nel 2032 l’Italia cambierà completamente volto con strade, autostrade, ferrovie, gallerie, ponti e viadotti, quindi il governo italiano non è assolutamente in discussione”, ha concluso.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 03 dicembre 2023 alle 16:00
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print