“L’Italia è un contributore netto dell’Unione Europea: ciò significa che i cittadini italiani versano nelle casse di Bruxelles più soldi di quanti non ne ricevano indietro. Con che coraggio, oggi, l’Ue si permette di fare ingerenze nelle questioni del nostro Paese, addirittura per chiedere di tassare la prima casa? In una situazione di grave difficoltà dovuta a crisi pandemica e guerra, solo chi è distante anni luce dalla realtà come i burocrati europei possono proporre di aumentare le tasse, con gli applausi del Pd. La Lega, a Roma così come a Bruxelles, sta lavorando per fare l’opposto, difendere gli interessi dell'Italia e ridurre la pressione fiscale ai cittadini e alle imprese. Giù le mani dai risparmi degli italiani”.

Così in una nota Antonio Maria Rinaldi, europarlamentare della Lega, componente della commissione Econ.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 24 maggio 2022 alle 00:00
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print