"Sono molto soddisfatta per le notizie giunte ieri dall'Unione Europea. Come annunciato dalla stampa,  La Ue dà il via libera al Pnrr italiano per accedere al Recovery Fund .  L'Italia avrà 191,5 miliardi di euro, di cui 69 miliardi a fondo perduto. Secondo la Commissione Ue il piano favorirà un incremento del Pil tra l'1,5% nel 2021 e il 2,5% nel 2026. Come appare dal comunicato stampa ufficiale della Commissione Ue "Nella sua valutazione la Commissione ha appurato che il piano dell'Italia riserva il 37% della spesa totale a misure di sostegno agli obiettivi climatici: include tra l'altro investimenti per finanziare un programma di ristrutturazioni su larga scala finalizzato a migliorare l'efficienza energetica degli edifici, nonché interventi per promuovere l'uso di fonti di energia rinnovabile, idrogeno compreso. Dedica inoltre un'attenzione particolare alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dei trasporti, con investimenti nella mobilità urbana sostenibile e nelle infrastrutture ferroviarie" L'importante beneficio fiscale portato avanti da questa maggioranza parlamentare, consentirà di accelerare la ristrutturazione e l'ammodernamento del nostro patrimonio edilizio sia dal punto di vista energetico che sismico. Il problema attualmente sono i tempi e la burocrazia, ma con il decreto semplificazioni in discussione in Parlamento saranno risolti gli ostacoli attuali in modo pragmatico e finalmente l'Italia correrà più velocemente per tenere il passo con resto d'Europa ed il ritmo della ripresa economico-sociale in corso" Lo dichiara in una nota Erica Mazzetti, parlamentare di Forza Italia. "Grazie al Governo Draghi ed all'impegno costante anche dei nostri Tre Ministri Azzurri abbiamo dato grande spazio ed importanza al Superbonus 110%, cercando in Parlamento di renderlo sempre più comodo ed utile alle imprese ed ai cittadini.  Il Paese necessitava assolutamente di un rilancio economico e infrastrutturale, sono certa che come Paese abbiamo colto "al volo" una grandissima occasione di rilancio per tutto il nostro tessuto produttivo, senza lasciare nessun ambito indietro, donando a tutti rinnovata fiducia nel futuro prossimo"

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 23 giugno 2021 alle 19:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print