"Se c'è ancora un governo nel nostro Paese, chiarisca subito sui fondi del React-Eu. Le notizie che arrivano da Bruxelles sono allarmanti, il Governo italiano intenderebbe gestire i 13,5 miliardi di euro stanziati dall'Ue per il 2021 e il 2022 solo a livello centrale. Quindi, regioni ed enti locali esclusi. Un rigurgito di centralismo accentratore tanto deleterio quanto anacronistico, mentre altri paesi europei hanno già deciso di voler assegnare una porzione significativa dei fondi a programmi regionali. In attesa che l'esecutivo Pd-5S-Leu smentisca, chiediamo un ciclo urgente di audizioni in Parlamento a partire dal ministro per gli Affari europei, Vincenzo Amendola. Vogliamo conoscere le ragioni del mancato coinvolgimento di regioni ed enti locali da parte del governo nazionale. Fattore che potrebbe contribuire all'esclusione dell'Italia dal Recovery Plan".

Così il capogruppo Lega in commissione Politiche Ue della Camera, Alessandro Giglio Vigna, e i deputati Lega componenti della stessa.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 23 gennaio 2021 alle 15:45
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print