“La decisione presa dal Presidente del Parlamento europeo David Sassoli di intentare una causa contro la Commissione europea per per la mancata applicazione del regolamento sulla condizionalità dello stato di diritto è un atto dovuto e inevitabile. Il premier Morawiecki ha avuto la possibilità e il tempo per far dietrofront e rimediare alle brecce nello stato di diritto nel suo Paese e invece, durante il suo intervento nella plenaria di Strasburgo, ha scelto il muro contro muro. Per evitare una crisi istituzionale senza precedenti, auspichiamo adesso che la Commissione europea agisca contro la Polonia e faccia rispettare le regole comuni europee”, così Chiara Gemma, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, in una nota.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 20 ottobre 2021 alle 21:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print