“La Corte dei Conti europea ha delineato un quadro preoccupante sul fronte della lotta al riciclaggio di denaro nel settore bancario. Nonostante i continui aggiornamenti delle norme in materia, secondo le stime di Europol, il valore delle transazioni sospette in Europa ammonta a centinaia di miliardi di euro, pari a circa l’1,3% del prodotto interno lordo (PIL) dell’UE. La legislazione europea antiriciclaggio costituita da direttive e non da regolamenti continua ad essere recepita in modo frammentato e disomogeneo mentre la Commissione è lenta nel garantirne l’attuazione e ad avviare procedure di infrazione. Come la Corte evidenzia, sono necessari interventi per il miglioramento delle valutazioni del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo in merito ai paesi terzi, nonché sulle procedure di vigilanza, scambio informazioni, indagini e decisioni relative alle violazioni del diritto dell'Unione riguardanti enti creditizi e le istituzioni finanziarie. Colmare le carenze del sistema bancario per colpire chi intende convertire e movimentare proventi illeciti deve essere una priorità per la tutela dell’economia legale”, così Laura Ferrara, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, in un intervento in plenaria. 

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 20 ottobre 2021 alle 20:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print