"Il rafforzamento dello spazio comune di libertà, sicurezza e giustizia nell’Ue, non può prescindere dal miglioramento dell’attuazione del mandato d’arresto europeo, uno dei principali strumenti di lotta contro forme gravi di criminalità transfrontaliera. Sono diverse le questioni da affrontare per perfezionarne il funzionamento, tra cui quelle riguardanti le condizioni detentive e carcerarie, la formazione degli operatori,  la carenza di un sistema completo di dati, l’ampliamento delle categorie di reato per le quali non è richiesta una verifica della doppia incriminabilità. L’attuale pandemia ha evidenziato altresì il ruolo centrale svolto dalla digitalizzazione nella cooperazione giudiziaria in materia penale. Il puntuale recepimento e l’applicazione della decisione quadro relativa al mandato di arresto europeo, delle direttive sulle garanzie procedurali, tenendo conto della giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’UE, è un dovere degli Stati Membri, indispensabile per assicurare alla giustizia gli autori dei reati nel rispetto dei diritti fondamentali e dello Stato di diritto,nonché per accrescere la fiducia reciproca nei sistemi nazionali di giustizia penale”, così Laura Ferrara, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, in un intervento in plenaria.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 18 gennaio 2021 alle 20:45
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print