“I nuovi criteri sulla politica fiscale europea adottati dalla Commissione vanno nella direzione auspicata dal Movimento 5 Stelle che da sempre si batte per una revisione profonda delle politiche di bilancio europee. Tuttavia, questo primo passo non sarà decisivo a consolidare la crescita e la ripresa se non sarà prodromico alla riscrittura della struttura dell’Unione economica e monetaria sancita nei Trattati. Se vogliamo lasciare ai nostri figli un’Europa competitiva, e allo stesso tempo inclusiva, è necessario lavorare su azioni strutturali e non emergenziali come la mera sospensione della clausola di salvaguardia. La nostra proposta è quella di una golden rule europea per lo scorporo dal pareggio di bilancio degli investimenti pubblici che riguardino l’ambiente, il digitale, il sociale, la ricerca, l’innovazione ma anche l’istruzione e la cultura. Solo con politiche espansive potremo restituire certezze a famiglie e imprese”, così Fabio Massimo Castaldo europarlamentare del Movimento 5 Stelle e Vicepresidente al Parlamento europeo. 

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 03 marzo 2021 alle 18:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print