“Oggi è una giornata storica per l’Europa. Nasce infatti una nuova piattaforma digitale e multilingue che permetterà a oltre 450 milioni di cittadini di contribuire con le loro idee e le loro proposte alla Conferenza sul futuro dell’Europa. Questa piattaforma rappresenta un’occasione unica per ridare un’anima a questa Europa fiaccata da divisioni ed egoismi. Va riformato, infatti, l’attuale farraginoso meccanismo decisionale: è assurdo che, a 14 mesi dallo scoppio della pandemia e a 8 mesi dall’accordo raggiunto in Consiglio, il Next Generation UE non sia ancora diventato operativo. E, beffa delle beffe, non si sa di preciso quando arriveranno i primi stanziamenti per gli Stati membri. L’Europa ha bisogno di una profonda riforma per essere più veloce, democratica e giusta e noi siamo convinti che grazie alla democrazia diretta e ascoltando sempre di più i cittadini possa arrivare la spinta verso questo cambiamento. Tuttavia, le insidie non mancano: affinché la voce dei cittadini venga davvero ascoltata e affinché la montagna non partorisca un topolino, il Movimento 5 Stelle chiede che questa partecipazione sia reale e non un’operazione di maquillage.  Le conclusioni delle Agorà dei cittadini e quelle delle Agorà dei giovani devono essere vincolanti per quelle finali della Conferenza. Chiediamo inoltre che la composizione finale della plenaria sia il più possibile plurale e larga, includendo anche una quota di cittadini europei, e che venga affrontato con serietà e apertura concreta il tema della riforma dei Trattati e delle Istituzioni europee. Solo con ambizione e coraggio riusciremo a dare risposte all’altezza delle sfide che ha davanti l’Unione europea”, così in una nota Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle e Vicepresidente del Parlamento europeo.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 19 aprile 2021 alle 18:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print