"È necessario continuare a sostenere la difesa ucraina" così interviene a Mattino 5 il sottosegretario di Stato alla Difesa, Matteo Perego di Cremnago sulla situazione della guerra in Ucraina, "per impedire che la Russia occupi oltre i territori già occupati anche la porzione di Nord Est.  Quello che sta facendo la comunità occidentale è sostenere la difesa per evitare che la Russia possa presentarsi al tavolo negoziale avendo occupato buona parte del paese, il tavolo si aprirà nel momento in cui la federazione russa non bombarderà più l'Ucraina, questa è la nostra aspettativa perchè non ci può essere negoziazione se vengono inviati ogni giorno migliaia di droni e missili sulle città uccidendo civili innocenti in una guerra che è costata già mezzo milione di morti e feriti da ambo le parti". "Noi continueremo a permettere all'Ucraina di difendersi, immaginatevi se dicessimo, come vuole parte dell'opposizione, che non inviamo più armi. Avremmo i russi a Kiev e i sacrifici di questi due anni sarebbero vanificati oltre a rappresentare una seria minaccia per la sicurezza dell'Europa." "E' ovvio" continua il Sottosegretario "che si debba arrivare ad una soluzione diplomatica, ma questa è possibile solo con il cessare delle ostilità da parte russa.

I ministri Tajani e Crosetto hanno rappresentato chiaramente la nostra posizione, non manderemo uomini sul territorio ucraino altrimenti si rischierebbe un'escalation e l'allargamento del conflitto." "Lavoriamo con tutti gli strumenti di pressione sulla Russia" conclude Perego "perchè si apra questo tavolo. Sono stato a Kiev, ricordo i carri armati alle porte della città, ora servono ulteriori aiuti, partecipiamo alla difesa collettiva e facciamo la nostra parte."

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 17 maggio 2024 alle 14:50
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print