"In modo assolutamente singolare la maggioranza interviene, maldestramente, soltanto sulle malcapitate guide turistiche applicando a singhiozzo, solo in questo caso, la cosiddetta direttiva Bolkestein sulle liberalizzazioni. L'intervento in materia di Turismo avrebbe meritato ben altro approfondimento visto il peso che questo specifico settore ha per l'intera economia italiana. Il testo del governo invece istituisce una guida generalista, lontano dal profilo e dalla competenza che tradizionalmente ha avuto la guida turistica nel nostro paese e non garantisce il rispetto concreto di standard professionali, culturali e linguistici adeguati all'esercizio della professione stessa.  E' un errore inoltre non rafforzare l'elemento della specializzazione territoriale anche nell'esame di abilitazione così come previsto dalle norme europee". Lo ha detto il segretario regionale del PD Sicilia e deputato Dem, Anthony Barbagallo, intervenendo alla Camera dove è stato approvato il testo di riforma del Turismo voluto dalla ministra del Turismo, Santanchè.

 "Serviva per altro – ha aggiunto Barbagallo - una riforma condivisa anche con le Regioni in virtù delle specifiche competenze assegnate dalla Costituzione. Le associazioni di categoria attendono da anni una riforma adeguata che possa riconoscere la giusta professionalità e la dignità che tutte le guide turistiche devono avere per esaltare l'eccezionale patrimonio artistico e culturale del nostro Paese. Ma l'apertura della categoria, così come previsto dalla maggioranza, a figure non specializzate comporta uno svilimento della guida turistica e un apertura verticale all'abusivismo di settore. Non si capisce poi con quali risorse e con quale personale  - ha concluso - i comuni dovranno esercitare il controllo, così previsto dal testo del governo".

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 07 dicembre 2023 alle 15:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print