“Siciliani, passeggeri di serie zeta. Mi viene in mente di dire questo notando i più recenti disservizi ferroviari. Un ritardo di più di due ore, qualche giorno fa, lungo la tratta Roma-Messina. Peggio è andato il viaggio di ritorno, con soli due bagni funzionanti e le carrozze sporche, ed un biglietto, quello di Trenitalia, che costa circa 200 euro”. Lo afferma in una nota la senatrice siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu. “Da un lato la circolazione ferroviaria che è un po’ un terno al lotto, dall’altro i voli per l’isola che senza le tratte sociali di Alitalia saranno sempre più cari. Niente più tariffe scontate, infatti, almeno per ora, per Roma e Milano dallo scalo di Comiso. Una situazione insostenibile, specie in vista dell’avvicinarsi del Natale. Occorre intervenire, al più presto”, conclude la parlamentare di FI.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 19 ottobre 2021 alle 12:50
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print