"La chiusura anticipata della piscina comunale di Cecina, l'ennesima, è un disastro annunciato. Se i cittadini saranno privati dell'impianto è a causa della gestione fallimentare da parte della sinistra, che dimostra tutta la sua noncuranza nei confronti dei beni pubblici. Le infrastrutture della nostra comunità sono invece risorse che dobbiamo valorizzare per ridare dignità a Cecina". Lo dichiara la deputata Chiara Tenerini, candidata con la lista Forza Italia - Immagina Cecina 2024.
"La nostra piscina oggi presenta gravi criticità: la copertura ammalorata, le piastre di cemento erose e gli elementi in ferro completamente arrugginiti. Si tratta certamente di una struttura datata, ma - aggiunge - proprio per questo aveva bisogno di interventi manutentivi regolari e, soprattutto, di una oculata pianificazione degli interventi. Invece di adottare misure strutturali, le risorse sono state sprecate per inutili misure tampone.

Una gestione dei beni pubblici che si riscontra anche con il cimitero di Cecina, che versa in condizioni inaccettabili, o con la Cinquina e il Bocciodromo, che sono in stato di degrado e abbandono. Il fatto più grave è che l'Amministrazione Pd, guidata dall'ex sindaco Lippi che oggi torna alla riscossa, si è ritrovata con un consistente tesoretto da milioni di euro grazie alla revisione dei vincoli di bilancio. Invece di impiegare la disponibilità di fondi per programmare interventi sistematici sulle strutture pubbliche, sono stati spesi per opere minori, senza una visione progettuale della città. Oggi ci ritroviamo con strutture deteriorate che non possono essere impiegate per promuovere il turismo sportivo, per rilanciare gli eventi culturali oppure offrire spazi di aggregazione ai cittadini. È necessario invertire la rotta. Con Salvatore Giangrande sindaco, grazie alla sua esperienza e alla sua competenza, ci occuperemo noi - conclude Tenerini - di far rinascere i beni pubblici e di far tornare grande Cecina".

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 maggio 2024 alle 20:20
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print