“Sulla banda ultralarga, come sui vaccini, il Governo Draghi sta imprimendo un chiaro cambio di rotta rispetto a Conte. Bene che il ministro Colao abbia archiviato il piano del precedente governo che sembrava avere come unico obiettivo quello di favorire l’azienda privata e di proprietà estera Tim”. Lo scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi. 

“Serve una rete ultraveloce – prosegue Anzaldi – che sia neutrale e aperta a tutti gli operatori, obiettivo da raggiungere innanzitutto con il rafforzamento dell’operato della rete pubblica Open Fiber che ha avuto il merito di far partire davvero la cablatura nel nostro Paese grazie a importanti investimenti pubblici avviati dal Governo Renzi. Sarebbe incomprensibile, ora, non andare avanti verso una rete che sia innanzitutto pubblica, a maggior ragione visto quanto sia strategica un’infrastruttura del genere per il Paese. Ora serve un'iniziativa parlamentare trasversale, per dare al Governo un indirizzo chiaro e condiviso, possibilmente sia dalla maggioranza che dall’opposizione”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 18:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print