“Parole scomposte e inaccettabili quelle rivolte dal capo del governo spagnolo appena rieletto, Pedro Sanchez, al governo italiano. Secondo Sanchez l’Italia sarebbe un Paese nel quale governa l’estrema destra e un esecutivo reazionario, che metterebbe in dubbio la partecipazione delle donne alla vita pubblica. Da che pulpito e con quale logica arriva questo attacco da Madrid? In Italia il primo ministro è Giorgia Meloni e il governo di centrodestra è moderato, non certo estremo o reazionario, e poggia su un pilastro fondamentale che è Forza Italia, espressione del Partito Popolare Europeo con i suoi valori liberali, garantisti, europeisti, atlantisti. La replica educata e impeccabile del nostro ministro Tajani è arrivata puntuale.

Sanchez ed il PSOE stanno lasciando la Spagna nelle mani dei secessionisti catalani, promettendo addirittura al loro leader Puidgemont, condannato e in esilio, e ai suoi sodali, un’amnistia per i fatti del 2017 quando organizzarono un referendum per l’indipendenza illegale, in spregio della Costituzione spagnola e per di più con il supporto della Russia di Putin. Sanchez forse vorrebbe anche decidere chi deve governare qui da noi in Italia, sostituendosi al volere del popolo sovrano. Noi siamo un governo di centrodestra eletto dal popolo, un Governo che rispetta la democrazia e lo stato di diritto, principi fondanti dell’Unione europea che sono la nostra stella polare”.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 novembre 2023 alle 23:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print