“L’ex campo di prigionia di Servigliano diventi monumento nazionale per continuare a rappresentare un valore simbolico, testimonianza di una memoria viva di un portato umano drammatico. Il parco della Pace, come è denominato oggi, racchiude in sé trascorsi drammatici, dalla prima guerra mondiale, passando per la deportazione degli ebrei ad Auschwitz fino ai profughi giuliano-dalmati, qui ospitati a seguito della fuga dalle loro terre, occupate dal dittatore comunista Tito. La dichiarazione di monumento nazionale è un tributo a tutte quelle vite che hanno conosciuto la sofferenza del campo, a quella storia raccontata senza dimenticanze volute, finalmente libera da una deleteria memoria partigiana”.

 E’ quanto dichiara il senatore Antonio Iannone, capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Istruzione.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 04 marzo 2021 alle 15:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print