"Tanti piccoli comuni, come ad esempio il Comune di Castiglion Fibocchi in provincia di Arezzo, ogni anno rischiano di non poter costituire la classe prima della primaria con la conseguenza che le famiglie sarebbero costrette a portare i bambini a scuola nei comuni vicini o nel capoluogo - con problemi di logistica familiare, di trasporti, di spostamenti dovendo percorrere decine di km ogni giorno tra andata e ritorno dalla scuola - estrapolandoli da una realtà conosciuta per essere spostati in una realtà cittadina cui sono completamente estranei. La chiusura della scuola primaria avrebbe certamente ripercussioni sulla scuola secondaria di primo grado oggi funzionante determinando così la scomparsa dei presidi di istruzione nel comune di Castiglion Fibocchi, come in tanti altri comuni simili per dimensioni ed esigenze, condannandolo allo svuotamento". Lo affermano in una dichiarazione congiunta i deputati toscani di Forza Italia Stefano Mugnai e Maurizio D'Ettore. "La normativa in materia di dimensionamento scolastico - aggiungono - disciplina i requisiti dimensionali delle istituzioni scolastiche legato al numero di alunni iscritti prevedendo, altresì, deroghe in relazione a particolari situazioni territoriali e ambientali. Molti piccoli e piccolissimi comuni sono ormai a serio rischio di svuotamento su tutto il territorio nazionale anche come conseguenza della carenza di servizi, che vengono cancellati in funzione del dato quantitativo della popolazione, ma la cui assenza spinge ad abbandonare il paese a favore delle città. I criteri preordinati volti all'attuazione del dimensionamento scolastico non tengono conto delle dinamiche demografiche pur avendo una diretta ed immediata incidenza sulle specifiche situazioni locali e sulle esigenze legate al territorio. Per questo solleviamo il problema in Parlamento chiedendo modifiche urgenti per sostenere concretamente molti Comuni." "Pertanto come Parlamentari di Forza Italia abbiamo firmato una interrogazione al Ministro dell'Istruzione prof. Patrizio Bianchi al fine di prendere in considerazione questo problema ed avere una risposta immediata da dare non solo al Comune di Castiglion Fibocchi (Ar), ma a tutti quei piccoli comuni che vivono da anni o vivranno il problema della formazione delle classi. E' quanto mai importante prevedere misure atte a mantenere aperte le scuole di paese, risorse indispensabili per ogni comunità - continuano Mugnai e D'Ettore - Abbiamo inoltre chiesto di sapere dal Ministero se non ritenga di dover intervenire a sostenere la scuola di Castiglion Fibocchi e di valutare la revisione della normativa in materia di parametri del dimensionamento delle istituzioni scolastiche, al fine di evitare la chiusura dei plessi scolastici , tutelando così gli alunni e le famiglie e contrastare lo svuotamento di queste località per mancanza di servizi. Infine abbiamo domandato al Governo se non si ritenga di avviare con sollecitudine un confronto anche con le regioni e gli enti locali al fine di definire, con urgenza, un adeguamento della vigente normativa in materia anche in funzione degli effetti della pandemia Covid-19, interessando altresì le commissioni parlamentari competenti per una immediata informativa in merito".

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 16:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print