La Senatrice di Fratelli d’Italia Daniela Santanché ha parlato a ‘Lavori in Corso’, su Radio Radio: "Siamo alle comiche finali. Credo che gli italiani abbiano ben capito che non c’entra niente né l’interesse dell’Italia, né l’interesse degli italiani: di commercianti, imprenditori, ristoratori. Non ci sono questi interessi, ci sono interessi di poltrone, mentre dall’altra parte c’è l’interesse politico. Un interesse politico che è molto grande, perché come ha detto ieri Zingaretti insieme ad altri esponenti del PD e del Movimento 5 Stelle, non si può andare a votare perché altrimenti si consegnerebbe il paese a Meloni e Salvini. Questo per loro capite che è una grandissima bestemmia".

Sull'Europa: "Fratelli d’Italia non è contro l’Europa, è per un’Europa come la vedevano i padri fondatori, come la vedeva De Gaulle, per un’Europa in cui gli interessi nazionali si possono attuare dagli Stati singoli, mentre gli interessi generali spettano all’Europa, come ad esempio la politica estera, la politica sull’immigrazione. In questi giorni la Merkel alla faccia dell’Europa e dei trattati europei ha comprato milioni di vaccini, quindi sicuramente non è un’Europa che sta aiutando gli altri Stati su un punto di luce come quello dei vaccini".

Sul semestre bianco: "Seconda poi, sì, è prossimo il semestre bianco, quindi sono pronta a scommettere sul Parlamento che ci sarà tra lunedì e martedì: figuriamoci se disoccupati e gente che ha vinto la lotteria senza nemmeno comprare il biglietto e che hanno uno stipendio che nel migliore dei loro sogni non sarebbero stati capaci di guadagnare lasciano il posto di lavoro per prendere il loro Reddito di Cittadinanza o per fare i navigator. Tenderei ad escluderlo.
Gli italiani devono sapere che l’interesse è quello delle poltrone e di mantenere uno stipendio. Per noi patrioti, l’interesse è quello degli italiani. Perché noi chiediamo di andare al voto? Perché io credo che in un momento così importante dove ci vuole coraggio e buonsenso, ci vorrebbe un Governo forte, con un forte mandato popolare. Invece loro preferiscono questi giochetti di palazzo. Io mi auguro che l’arbitro, il Presidente Mattarella, prima o poi batta un colpo".

Sulle proteste de commercianti: "Do tutta la mia solidarietà e la mia vicinanza a queste persone, perché io capisco che stanno morendo di fame. Loro, la filiera, i lavoratori.
Io non faccio, il medico, non faccio il virologo, però dico una cosa: l’unica cosa che un Governo serio non deve fare è prendere in giro le persone.
Prima Conte aveva detto di fare sacrifici per passare un Natale come Dio comanda, poi sappiamo tutti com’è andata; poi dopo ancora peggio, e in più ci metton la loro assoluta ignoranza nei confronti del lavoro, perché l’apertura a singhiozzo, far aprire e poi chiudere… ma questa gente ha mai lavorato più di un’ora? Sa cosa vuol dire fare tutto quello che si deve per 48 ore? O sulle loro poltrone da ministri non si sono mai confrontati col paese reale?".

Su Renzi: "Renzi ha detto cose giuste sul Recovery Plan, però chi è che oggi crede a Renzi
Di Renzi ne abbiamo viste di tutti i colori, forse ha perso la credibilità quando in pompa magna ha detto che avrebbe lasciato la politica in caso di sconfitta al referendum. La parola data è una cosa seria. Giornalisti come Travaglio o politici-comici come Grillo che sui giornali, dopo la giornata di martedì, cosa scriveranno? La gente che andrà lì per interessi personali sarà elogiata e tutti si dimenticheranno quello che hanno detto in passato? Ho visto un tweet di Conte che diceva che per lui non ci sarebbe stata nessun’altra maggioranza da Presidente del Consiglio. Hey, Conte: batti un colpo! Dov’è la dignità?
Ho più paura di questi che del Covid”.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 16 gennaio 2021 alle 23:45
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print