"Le nuove norme sulla farmaceutica, introdotte con l'ultima legge di bilancio, ipotizzano per le regioni un aumento di spesa da 600 milioni di euro. Una cosa incomprensibile e inaccettabile mentre tagliano e indeboliscono giorno dopo giorno il nostro servizio sanitario nazionale, con la scusante dell'assenza di risorse". Lo afferma Marco Furfaro copogruppo PD in commissione affari sociali e membro della segreteria nazionale. "Quello che il governo sta spacciando per risparmi e "per favorire l'accesso in termini di prossimità attraverso le farmacie territoriali" sono in realtà solo regali all'industria del farmaco. Dai nuovi tetti di spesa al nuovo sistema di remunerazione delle farmacie fino allo spostamento di alcuni farmaci dall'ospedaliera alla convenzionata l'impatto sui già pericolanti bilanci regionali potrebbe essere pesante.

Presenterò un'interrogazione al ministro Schillaci per avere chiarimenti urgenti.  Una decisione assurda: sono costi che il governo ha deciso per l'ennesima volta di scaricare sui cittadini e sulle regioni".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 18 maggio 2024 alle 14:00
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print