"Bisogna ricordare quali sono le accuse mosse a Ilaria Salis, al di là dell'accompagnamento in catene in Aula, che comunque avviene anche in altri paesi, a seconda del tipo di accuse e dell'ordinamento giudiziario. La Salis è accusata di appartenere a un gruppo eversivo. È stata arrestata insieme a un ricercato tedesco, con l'accusa di essere andata a Budapest per aggredire persone che la pensano diversamente da lei, di destra. Sono accuse che, se venissero confermate, sono preoccupanti".

Così Flavio Tosi, deputato di Forza Italia e segretario regionale del Veneto del partito azzurro, intervenendo ad Agorà. 

"Ilaria Salis – ha proseguito - non è una perseguitata politica. Parliamo di una signora accusata di picchiare a sangue gli avversari politici e di essersi organizzata in questo senso, non di esserci finita per sbaglio. Dopodiché, che si sia mossa la Farnesina è scontato, così come l'ambasciata. Questo viene sempre fatto: quando ci sono degli italiani detenuti all'estero la nostra ambasciata e la Farnesina si muovono per cercare di tutelare gli interessi dei nostri concittadini. La sinistra, ha deciso di candidarla. Una scelta ideologica che, francamente, non capisco. Non so nemmeno quanti voti possa portare alla sinistra", ha concluso.

--

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 16 maggio 2024 alle 22:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print