“L’Unione Europea deve aiutare e quindi contribuire alla difesa dei nostri confini. Non basta riempire di soldi Erdogan. Ci vuole molto di più e dev’essere uno sforzo condiviso, perché l’immigrazione irregolare e incontrollata non arriva solo nell’est Europa. E basta guardare i dati del Ministero dell’Interno: in Italia dal 1 gennaio al 15 ottobre 2021, sono sbarcati 49.235 migranti irregolari, praticamente il doppio rispetto ai 25.920 riferiti allo stesso periodo del 2020 e sestuplicati rispetto agli 8.463 del 2019 senza contare, naturalmente, quelli entrati attraverso la rotta balcanica o con gli sbarchi fantasma. Ovviamente non possiamo costruire un muro con la Libia ma bisogna ragionare su un nuovo modo, finalmente efficace, di difendere i confini dell’Unione europea. Terrestri o marittimi che siano, come già proposto da Fratelli d’Italia, vanno finanziati quegli Stati che realmente bloccano le partenze evitando di riempire di soldi chi lo promette soltanto. Insomma, abbiamo l’occasione di costruire un’Europa che non sia soltanto regole burocratiche, ma un’Unione reale tra popoli diversi ma fratelli per storia e cultura. Ben diversa da quella che ha in mente Matteo Renzi, che non perde occasione per confermarci di avere una visione dell’Europa più vicina a quella dei burocrati che a quella dei popoli”.Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Massimo Ruspandini, nel corso del suo intervento in Aula.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 20 ottobre 2021 alle 14:50
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print