"Le piazze sono sempre un segnale, ma non è detto che il loro messaggio sia positivo. Chi nega 130 mila morti e la sofferenza di chi si ammala, parlando di dittatura mentre manifesta liberamente senza distanziamento, non può essere ascoltato. Bisogna limitare i contagi e per farlo è fondamentale abbattere la presenza di positivi nei luoghi affollati, specialmente se al chiuso. Il green pass assolve a questa esigenza, è un passaporto verso il ritorno alla libertà. Chi non vuole vaccinarsi o semplicemente fare un tampone non può costringere tutti gli italiani a un nuovo lockdown o ad altre limitazioni. Per fortuna l'andamento della campagna vaccinale dimostra che gli italiani, anche i più giovani, credono nel vaccino. A spaventarmi è l'irresponsabilità di pochi che, da qualsiasi parte giunga, non deve essere per nessun motivo cavalcata. Il fanatismo no vax non può trovare asilo politico". Lo ha detto Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, in un'intervista a La Stampa. 

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 26 luglio 2021 alle 13:20
Autore: Federico Luciani
vedi letture
Print