"Dobbiamo dare il segnale che il ritorno alla normalità, è vicino. Serve una data simbolo".

Lo afferma il governatore della Liguria, Giovanni Toti, in un'intervista al Corriere della Sera.

"Penso che l’inizio di maggio sia il momento giusto - dice Toti. Ci sono tante cose da fare: far ripartire la stagione turistica, quella fieristica, lavorare per i grandi eventi di estate e autunno. Bisogna dare certezza a chi fa impresa che può rimettersi in moto, facendo assunzioni, organizzandosi. Perfino alle famiglie: si deve poter pensare che sarà possibile festeggiare un matrimonio, un battesimo, fare una vacanza, un viaggio - aggiunge.

Sulla polemiche dei furbetti del vaccino, il presidente Toti commenta: "In Liguria abbiamo seguito rigidamente il principio dei vaccini per classi di età, anche prendendoci critiche per non aver allargato ad altre categorie. Ma più in generale, se proprio dobbiamo cercare responsabilità, le Regioni le hanno meno di tutti - spiega. Il primo piano vaccinale è del governo Conte, quello di Draghi è del 12 marzo e le linee guida sono sempre state governative. Se erano troppo vaghe e non sono state individuate le priorità che intendeva il premier, forse andavano fatte meglio. Non hanno deciso le Regioni di testa loro di vaccinare categorie come gli insegnanti, il personale sanitario anche non in prima linea, quello universitario, i magistrati, le forze dell’ordine e così via. E anche la scienza, pur nella difficoltà oggettiva e innegabile, non ha dato una grande mano cambiando idea in sei settimane sulla somministrazione del vaccino AstraZeneca per gli under 55, poi gli under 65, ora gli over 60". Infine, sul generale Figliuolo, dice: "A me sembra stia rimettendo un po’ di ordine e penso che l’obiettivo che indica sia raggiungibile. Quindi se a maggio saremo riusciti a mettere in sicurezza tutti gli over 70, saremo quasi fuori dall’emergenza".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 10:30
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print