Federico Conte, deputato di Liberi e Uguali, intervenendo alla Camera sulla Legge di Bilancio dice: "Gli investimenti nel Mezzogiorno non possono essere solo una posta del Recovery Plan, peraltro del tutto inadeguata, né tantomeno ritenersi assorbiti dalle linee di intervento generali che riguardano la digitalizzazione e l'ambiente, che hanno carattere orizzontale e riguarderanno tutto il territorio nazionale, né soddisfatti dal finanziamento di opere già in corso, imprimendo alle risorse un carattere sostitutivo e non aggiuntivo, come si è finora fatto per i Fondi strutturali europei con i risultati che conosciamo. E tantomeno può risolversi in un mero trasferimento di risorse alle singole regioni come enti di gestione, che ha rappresentato il limite e la causa della deriva regionalista, emersa prepotentemente durante la pandemia. L'infrastrutturazione del Mezzogiorno deve essere una missione strategica di un piano complessivo che coordini i fondi del bilancio europeo e del Recovery plan e quelli nazionali inseriti nella Legge di Bilancio. E' necessario, perciò, che la enorme disponibilità finanziaria che verrà da Piani europei collegati e interconnessi non sia gestita separatamente su due linee diverse, quello del Bilancio dello Stato e quello del Recovery Plan; occorre una visione organica che è politica prima che organizzativa", conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 22 dicembre 2020 alle 12:30 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
vedi letture
Print