Il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, dichiara: "I cattivoni sovranisti Polonia e Ungheria mettono il veto sul Recovery Fund e la Meloni non dice nulla!". Avete sentito ripetere questa nuova litania alla sinistra e ai grillini? Ovviamente la verità è, come al solito, molto diversa da come la racconta questa gente. I soliti noti dell'eurosistema, di cui ormai fa parte anche il M5S oltre al PD, vogliono vigliaccamente utilizzare i soldi del Recovery Fund per piegare quelle Nazioni, come Polonia e Ungheria, che vogliono difendere le radici classiche e cristiane d'Europa e i propri confini dall'immigrazione illegale di massa. Se non accettate la clausola dello stato di diritto (cioè cedere la propria sovranità all'eurosistema) niente soldi per combattere il covid". Quanto fa schifo questo ricatto? Al momento Polonia e Ungheria hanno risposto come era facile prevedere: non si sono piegati e hanno posto il veto sul bilancio UE. Di chi è la colpa di questo stallo secondo voi? Di chi crede di poter comprare la libertà e la sovranità dei popoli europei o di chi le difende?".

“I cattivoni sovranisti Polonia e Ungheria mettono il veto sul Recovery Fund e la Meloni non dice nulla!”. Avete sentito...

Pubblicato da Giorgia Meloni su Martedì 17 novembre 2020

La Meloni, poi, a proposito del tema cultura: "Vittoria di Fratelli d'Italia: il Governo ha dato seguito ai nostri ordini del giorno approvati alla Camera e il Mibact ha istituito con decreto un tavolo permanente sullo spettacolo dal vivo, il cinema e l'audiovisivo per l'emergenza coronavirus. È uno strumento preziosissimo per le imprese culturali, teatrali, cinematografiche e della danza, che potranno fare le loro proposte sui provvedimenti direttamente ad un tavolo del Mibact, senza dover elemosinare ogni volta un incontro o fare appelli sulla stampa. È un risultato di cui andiamo particolarmente fieri, che conferma l'impegno di Fratelli d'Italia per il mondo della cultura e permetterà a tutte le categorie del comparto di essere ascoltate. Non possiamo permetterci una Nazione senza teatri, cinema, danza e musica".

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 17 novembre 2020 alle 20:45 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
vedi letture
Print