Roma, 21 gen. – “Le parole gratuite, inaccettabili, volgari e offensive pronunciate da Alan Friedman nella puntata di ieri mattina della trasmissione “Unomattina” qualificano il personaggio ma sono figlie di una diffusa cultura misogina che crede di non avere limiti nelle proprie esternazioni e nei propri comportamenti. Lascia allibiti che sul canale principale del servizio pubblico si consenta la gratuita umiliazione di una donna, ma ancor più raccapricciante è il silenzio dei conduttori e degli altri ospiti anziché la pretesa di immediate scuse e la censura in diretta. Lasciare correre queste infamie, pensare che sia solo goliardia o - peggio ancora - umorismo, è tipico della subcultura che relega la donna in secondo piano e che ne minimizza poi diritti e rivendicazioni. Si vergogni questo minuscolo “giornalista”, si svegli la Rai e prenda seri provvedimenti: lo deve alle donne ed alla loro onorabilità”.

Così i senatori della Lega in commissione d’inchiesta sul Femminicidio Marzia Casolati, Gianfranco Rufa e Pietro Pisani.

     _________________ 

Ufficio Stampa Lega Senato

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 21 gennaio 2021 alle 23:45
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print