"Da parlamentare ho vissuto tre elezioni, viste da vicino perché sono stato anche capogruppo ma stavolta non vedo nessuna novità: siamo nella stessa condizione di due mesi fa".

Lo dice il deputato di Italia Viva, Gennaro Migliore, oggi su Il Mattino.

"La presidenza viene decisa sempre nelle ultime ore - spiega Migliore. Addirittura nell’ultima votazione utile: è stato sempre così". Stavolta è diverso "perché non c’è nessuno che abbia realmente in mano il pallino. Anche con Ciampi, altra elezione difficile. C’erano Veltroni e Berlusconi ad averlo: oggi invece le coalizioni, o presunte tali, sono divise. Con un centrodestra diviso anche sullo stesso Berlusconi e il centrosinistra che non si capisce cosa faccia - aggiunge. A cominciare dal Pd, sembra che sia in campo giusto per esserci, una strategia tutta di rimessa: non si capisce se gioca o fa finta. Ed è un campo molto frammentato: per questo non vorrei che a qualcuno venisse in mente dl fare qualche brutto scherzo a Mario Draghi perché abbiamo bisogno di una larghissima maggioranza e si potrebbe rischiare di metterlo in difficoltà. Un’ipotesi che io considero una sciagura" conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 22 gennaio 2022 alle 11:15
Autore: Simone Gioia
vedi letture
Print