"Occorre provare ad uscire dalla crisi con più sviluppo e più equità, e questo è il compito dell'Italia che metterà in campo strumenti eccezionali ed è utile anche al Centro Nord un Sud che cresce ed attivi la domanda di beni e servizi, per legge dobbiamo destinare il 34% degli aiuti al Sud e le risorse per il Mezzogiorno provenienti dal Recovery Fund, circa 70 miliardi di euro, si andranno ad affiancare e quelle ordinarie già previste nel Piano Sud 2030 e ai maggiori investimenti dei Fondi strutturali, per circa altri 73 miliardi di euro". Lo ha detto il ministro per il sud e la coesione sociale Giuseppe Provenzano intervenendo al question time alla Camera in risposta a una domanda del deputato Federico Conte di Leu che chiedeva cosa intende fare il governo nella ripartenza dopo la fase acuta del Covid "per ridurre il divario nord-sud utilizzando il Recovery Fund".

Provenzano ha inoltre ribadito che la "fiscalità di vantaggio per il Sud deve accompagnare le misure messe in campo per produrre effetti sull'occupazione e gli investimenti" nelle regioni meridionali. Nella replica, Conte ha detto che "serve un supercommissario per il Sud e le opere necessarie" e, a suo avviso, questo ruolo può essere svolto dallo stesso ministro Provenzano che diventerebbe così titolare di un ministero con portafogli, dotato di risorse.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 05 agosto 2020 alle 17:10
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print