"Oggi, con la pubblicazione del testo del Regolamento dell'Ue nella Gazzetta Ufficiale Europea, che limita l'uso ingannevole del nome Prosek sulle etichette croate o di qualsiasi altro Stato membro, possiamo finalmente festeggiare il fatto che si mette un punto fermo contro le imitazioni e si restituisce al nostro Prosecco l'unicità che merita". 

Così l'europarlamentare della Lega Paolo Borchia, capolista alle prossime elezioni Europee nella circoscrizione Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna.

"Bene, ci auguriamo che l'esito del ricorso metta formalmente la parola fine e una lunga questione: adesso ci sono tutti gli strumenti in applicazione per evitare che il tema del Prosecco debba concedere ad altri un patrimonio che invece è tutto suo. Con il nuovo Regolamento europeo sulle indicazioni geografiche Ig, frutto davvero di un buon lavoro di squadra a più livelli, oggi c'è un testo che intende difendere le nostre bollicine e tutelare produttori e consumatori. La dimostrazione che si può far funzionare questa Europa e che nessuno disconosce il suo valore per pura ideologia. Con buonsenso, come avvenuto in questo caso, è stato possibile difendere anche lì un prodotto di qualità italiana e portare giustizia. L'obiettivo della Lega è di fare lo stesso anche su altri settori".

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 14 maggio 2024 alle 22:25
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print