“Noi domani saremo in piazza a Bruxelles con più di tremila imprenditori agricoli". Lo ha dichiarato il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini,  al 'Caffe della domenica' su Radio24. “Abbiamo proposto di semplificare la Pac (Politica agricola comune) da subito, aumentare il tetto degli aiuti di Stato, autorizzare una moratoria dei debiti delle imprese agricole e rimuovere vincoli ambientali che diminuiscono la produzione di cibo in Europa e favoriscono le importazioni da altri continenti. Non è questa l'Europa che vogliamo, serve un cambio di passo urgente”, ha spiegato Prandini che aggiunge: “Ci saranno anche tante altre rappresentanze del mondo agricolo a livello europeo, come Spagna, Portogallo, Belgio ma anche Germania e Francia”.

“Cercheremo di condurre le nostre azioni sempre in maniera adeguata e nel rispetto delle regole perché abbiamo il dovere di tradurre le nostre proteste in proposte e di farle diventare anche delle risposte certe nei confronti dei nostri imprenditori”, ha sottolineato Prandini ricordando che “nonostante la Commissione europea metta finalmente in discussione la condizionalità ambientale, la razionalizzazione dei controlli e preveda anche delle misure al sostegno dei piccoli agricoltori, ancora non tornano le tempistiche perché purtroppo i tempi della burocrazia europea spesso non combaciano con i tempi delle imprese del settore agricolo. Pretendiamo che ci sia certezza sull'applicazione di questi regolamenti modificati", ha concluso. 

La manifestazione organizzata dagli agricoltori partirà dalla stazione Luxembourg per raggiungere Rue de la Loi, nei pressi della Commissione e del Consiglio europei, a partire dalle ore 10 emntre gli europarlamentari saranno nell'aula del Consiglio comunitario. Nel corso della mattinata è previsto l'incontro con alcuni eurodeputati e col ministro dell'Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida, che riceveranno delle proposte di riforma elaborate dalla Coldiretti. 

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 25 febbraio 2024 alle 17:00
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print