"Comprendiamo la necessità di mediare tra Pd e 5S, tuttavia sfuggono a Conte due questioni fondamentali. La prima è che il sistema di infrastrutture di cui parla il presidente saranno utili al Paese solo quando Sicilia e Calabria diverranno la piattaforma logistica europea nel Mediterraneo e questo non potrà avvenire senza il Ponte. La seconda è che rinviare questo progetto , ipotizzando tunnel o altre fantasiose soluzioni, significa allontanare il rilancio del Meridione ancora una volta e di almeno altro 20 anni", così in una nota il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone. "Il ponte sullo stretto è ad oggi il solo cantierabile in qualche mese. Italia Viva chiede di attuare le strategie di sviluppo concordate e condivise dall'Europa col nostro Paese da anni.
 Vanno completate o realizzate in tutto il territorio nazionale le infrastrutture al servizio dei quattro corridoi: il ponte sullo stretto , l'alta velocità da Augusta fino ai confini con Francia, Svizzera, Austria e Sloven, le Zes e gli adeguamenti delle quindici Autorità Portuali così come dei sistemi aeroportuali esistenti, e il processo di digitalizzazione attraverso la diffusione della Banda Larga. Non si tratta solo di accorciare le distanze tra nord e sud ma di creare sviluppo nazionale : ora che i soldi ci sono, con il Recovery , sarebbe davvero grave perdere l'occasione. Ancora di più per un governo che esprime molti importanti ministri del sud". Lo afferma Davide Faraone, sottosegretario al Ministero della Salute, in una nota.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 10 agosto 2020 alle 19:10
Autore: Camilla Galvan
Vedi letture
Print