"Il caos organizzativo creato dal ministro Sangiuliano sta bloccando gli investimenti previsti nel Pnrr Cultura". Così la capogruppo democratica nella Commissione Cultura della Camera, Irene Manzi che sottolinea come "i dati della Relazione presentata trionfalmente dal ministro Fitto destano molte preoccupazioni sull'operato del ministero della cultura che, va sottolineato, si trova nel mezzo di una profonda riorganizzazione che sta mettendo in discussione anche l'ordinaria amministrazione. E non è un caso che il Mic abbia sinora rendicontato solo il 3,4% dei 4,4 miliardi previsti dal Pnrr.

Con alcuni interventi del tutto bloccati come gli zero euro spesi sui venti milioni previsti per le competenze digitali del personale, a meno di due anni dal termine del programma di interventi.  Il Ministero sta viaggiando con il freno a mano tirato a causa della caotica gestione del ministro Sangiuliano attento solo a tagliare nastri, ad appropriarsi di interventi ereditati dalla precedente gestione e a cercare consenso e posizionamenti politici in vista delle prossime elezioni regionali in Campania. Perdere l'occasione del Recovery sarebbe veramente una grave responsabilità. Avevamo avvertito il ministro dei rischi a cui andava incontro nell'avviare una profonda riorganizzazione nel mezzo dell'attuazione del Pnrr – conclude Manzi - ma non ha voluto ascoltarci".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 24 febbraio 2024 alle 00:20
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print