"Ci sono diverse forme con cui questi fondi verranno spesi. E non per tutto occorreranno modifiche normative. Una parte dei fondi, penso al trasporto pubblico locale, sarà gestita attraverso bandi e non con appalti. Poi ovviamente c’è tutta una serie di opere, per esempio di Anas e Ferrovie dello Stato, i cui i piani di fattibilità sono già pronti. Per altre ancora c’è indubbiamente un’esigenza forte di accelerazione, con un dimezzamento dei tempi complessivi, e quindi non dobbiamo solo semplificare ma reingegnerizzare le procedure".

Così, al Corriere della Sera, il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini.

"Una quota molto consistente andrà al trasporto sul ferro - spiega il ministro. Ci sarà una buona parte del tragitto di alta velocità della Salerno-Reggio Calabria, il collegamento del porto di Gioia Tauro alla rete esistente, l’ampliamento o l’ammodernamento di diverse metropolitane, il rinnovo dei materiali rotabili, gli investimenti sulle ferrovie regionali. Poi c’è una quota sulla mobilità sostenibile, con investimenti in mezzi pubblici non inquinanti, autobus nuovi con emissioni ridotte, ma anche nella mobilità cosiddetta dolce, delle ciclovie. Una terza componente importante è quella dell’ultimo miglio, cioè la connessione fra porti e aeroporti e la rete ferroviaria. Il tutto con quota di nuovi investimenti al Sud pari al 50% dei fondi - aggiunge. La commissione che ho insediato ha quasi terminato i lavori - prosegue. A breve arriveranno una serie di raccomandazioni su come modificare le norme. L’obiettivo è realizzare un’opera bene e il più rapidamente possibile, nel rispetto della concorrenza. Ci sarà la possibilità di ricorrere a corsie preferenziali per le diverse fasi. Inoltre, il ministro Franceschini pensa a una Sovrintendenza dei beni culturali a livello nazionale e il ministro Cingolani a rivedere il processo per la Via. Di più non posso anticipare" conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 11 aprile 2021 alle 10:40
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print