“Le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella colgono nel segno e rappresentano un monito per tutte le forze politiche e sociali affinché, senza distinzione alcuna, si schierino contro l’omofobia e l’odio di genere. Come ricorda il Capo dello Stato il rifiuto di ogni forma di discriminazione e di intolleranza è sancito sia nella Costituzione italiana sia nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea nel punto in cui viene riconosciuto il principio di uguaglianza di tutti i cittadini. Tocca dunque alla politica attualizzare questo principio  fondamentale e trasformarlo in norme che tutelino nei fatti la libertà e i diritti dei cittadini. Il ddl Zan, già approvato alla Camera dei Deputati e attualmente in discussione al Senato della Repubblica, è l’imperdibile occasione per portare a termine questa missione. Auspico dunque che venga approvato in tempi celeri. Ogni ulteriore ritardo sarebbe intollerabile”, così in una nota Tiziana Beghin, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 17 maggio 2021 alle 17:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print