“L’Unione Europea volta le spalle alla nautica da diporto. Dando ascolto alle preoccupazioni del settore, avevamo presentato un’interrogazione alla Commissione Ue sull’applicazione dell’aliquota Iva del leasing nautico, strumento finanziario che garantisce il 90% del fatturato della nautica da diporto in diversi Stati membri. La Commissione Europea, invece di aiutare imprese e lavoratori, impone un aumento dell’Iva e penalizza tutto il comparto in Italia. Nella risposta alla nostra interrogazione, Gentiloni purtroppo non aggiunge alcunché a ciò che già sapevamo e difende queste misure, non facendo nulla per evitare di creare distorsioni nel mercato interno, regalando così uno schiaffo alla nautica da diporto che oggi, oltre a dover fronteggiare la crisi dell’epidemia, è ulteriormente colpita dalle tasse dettate dalle regole Ue e dalla concorrenza dei Paesi terzi. Un atteggiamento inaccettabile e dannoso per un’eccellenza italiana leader nel mondo".

Così in una nota Marco Campomenosi, componente della commissione Trasporti, capo delegazione Lega al Parlamento Europeo, firmatario dell’interrogazione presentata alla Commissione Europea, co-firmata dagli europarlamentari Marco Zanni (presidente gruppo ID) e Antonio Rinaldi.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 16 gennaio 2021 alle 00:00
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print