"Non si possono delegare ai Dpcm le restrizioni delle libertà fondamentali, non si possono comprimere dietro lo spauracchio dello "stato di emergenza"
diritti garantiti dalla Costituzione. Siamo consapevoli della crisi sanitaria e dei pericoli di una recidiva, ma proprio per questo è impensabile che le opposizioni non vengano considerate nell'affrontare disposizioni e direttive che entrano nel perimetro della salute e delle libertà dei cittadini. Se il
Parlamento è "invisibile" bisogna avere molta paura dei fantasmi, perché della stabilità invocata da Di Maio non ne vediamo neanche l'ombra". Così in una nota il deputato di Forza Italia Giorgio Mulè.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 17:30
Autore: Camilla Galvan
Vedi letture
Print